Pierpaolo Marino: “Sfido un Napoli che è anche mio”

Posted on → Nov 25, 2011 @ 12:32

0



E’ la partita del cuore: e dentro, in quest’ora e mezza che sembra calcio e invece è un incrocio esistenziale, si racchiudono emozioni vive, l’estasi e il tormento, le gioie e pure le sofferenze. Atalanta-Napoli è l’universo di Pierpaolo Marino, il passato che ritorna prepotentemente a due anni da una separazione rumorosa, il presente che vibra, il futuro da svelare: e in quel pallone che rotola, novanta minuti da attraversare attraverso la nuvola dei ricordi, si posano, lievi e persino inedite, le sensazioni «misteriose» della prima volta. Atalanta-Napoli: cioé Marino che racconta Marino e però anche De Laurentiis, Lavezzi & Hamsik e tutto ciò ch’emerge in una sfida ch’è una retrospettiva inevitabile e che non finisce in fuorigioco.

Marino, cosa si prova?
«Sensazioni piacevoli, nessun senso di rivalsa. Per me Atalanta-Napoli è una festa, perché mi dà l’opportunità di rivedere i passi salienti della mia carriera. E poi sono già stato un ex».

Vorrebbe far credere che non si emozionerà?
«Vorrei che non ci fosse intorno a questa sfida un’interpretazione distorta. E’ chiaro che ho un cuore che batte ed è altrettanto chiaro che non sarà una partita normale: però è una giornata che vivrà esclusivamente di sentimenti positivi».

La cosiddetta rivincita non la anima, insomma?
«Non ho niente da dimostrare, a Napoli. Ho dato e ricevuto. Posso con fierezza sostenere di essere il manager che ha vinto di più, persino più di Moggi: uno scudetto nell’87, poi la cavalcata dalla C alla qualificazione nell’Intertoto».

 

Fonte: CdS

Posted in: Interviste