Dalla sbornia inglese alla conquista della Lombardia

Posted on → Nov 24, 2011 @ 7:00

0



Neanche il tempo di riprendersi dalla sbornia di martedì sera, che subito ti si ripresenta davanti la dura realtà del campionato italiano. Sabato alle 20,45 il Napoli avrà l’obbligo morale di dimostrare anche al calcio nostrano il proprio valore. Gli uomini di Mazzarri se la vedranno contro una delle squadre più in forma del momento, l’Atalanta guidata dal tacque Denis, a sorpresa capocannoniere della massima serie. Prima della tanto attesa sfida di Villareal, in programma il 7 dicembre al “Madrigal”, gli azzurri andranno incontro ad un ciclo terribile: 3 partite in 8 giorni. Si partirà da Bergamo dunque, prima di ospitare la Juventus martedì 29 al San Paolo in una partita che si preannuncia di fuoco. A Fuorigrotta farà visita anche il Lecce, sempre di sabato, il 3 dicembre. Poi tutti in Spagna. Quattro match in notturna per i partenopei, illuminati dalle luci di stelle che in questi giorni più che mai sembrano brillare con forza. L’apocalisse inglese ha nuovamente messo paura alle compagini italiane, che nel frattempo si erano quasi abituate all’idea di un Napoli poco brillante in campionato, abbagliato dal sole Champions. Una vittoria come quella di due giorni fa, però, ha rappresentato la scossa che tutti aspettavano da queste parti. Nuova linfa vitale ed orizzonti ampissimi che si sono aperti d’un tratto. Probabilmente qualcuno riposerà dopodomani, ma guai a parlar male del turnover. Bisogna saper gestire le forze ed avere allo stesso tempo la consapevolezza di possedere un materiale tecnico invidiabile in rosa. Spazio dunque ai vari Mascara e Pandev, Fernandez e perché no, Fideleff. Toccherà a loro dimostrare di essere da Napoli. Non una qualunque.

Stefano Esposito

Posted in: Primo Piano